Handisport

Per i disabili, praticare lo sci consente di superare i propri limiti e di adeguarsi grazie ad un insegnamento e un allenamento adeguato e con un’ apposita attrezzatura speciale per tale attività.

Trovate qui sotto alcune categorie del handi-sci :

L’emofilia è una disfunzione genetica sanguigna che impedisce al sangue di coagularsi normalmente. I primi sintomi comportano emorragie incontrollate, spesso spontanee, in tutte le parti del corpo. Il volume di emorragia dipende della gravità dell’emofilia. Emorragie interne che intervengono correntemente negli spazi intorno alle articolazioni provocano frequentemente dolori, gonfiori se non vengono trattati e possono anche condurre a lesioni permanenti.

Nadav_test1

L’emorragia può evidenziarsi dopo quello che sarebbe una ferita relativamente benigna da un soggetto con fattori normali di coagulazione.

Al fin di fare in modo che la vostra esperienza in montagna e con lo sci sia sicura e memorabile, Born Skier® Vi fornisce un’informazione preziosa nonché una mappa mondiale aggiornata di tutti i centri di trattamento dell’emofilia in modo che possiate selezionare il più vicino alla vostra destinazione.

Per maggiori informazioni o uno specifico aiuto, contattateci direttamente.

blind_snowboarder_with_pole_again586x270Offerta di un’assistenza adeguata da monitori qualificati e un programma di apprendistato dello sci aperto a tutte le persone non-vedenti o colpite di menomazione visiva allo scopo di procurare loro non solo un valore aggiunto terapeutico sia fisico che psicologico, ma anche un vero e proprio divertimento sulle piste.

Monosci

skierMONOIl monosci è stato sviluppato per le persone che sciano in posizione seduta. Uno sciatore in monosci deve essere forte e mobile nella parte superiore del corpo e avere equilibrio. Un individuo con doppia amputazione delle estremità inferiori, una spina bifida oppure una lesione al midollo spinale in D-6 o sotto, sono buoni candidati per il monosci. Lo sciatore è seduto in un sedile modellato montato su un telaio sopra uno sci unico. Un assorbitore d’urto collega il telaio allo sci. Due bastoni terminati da piccoli sci sono usato come bilanciere e per girare. Il design del monosci consente al sciatore di usare lo sci in modo dinamico. Il monosci è disegnato in modi che il sciatore possa prendere lo skilift in modo indipendente. Uno sciatore in monosci può raggiungere un livello elevatissimo e sciare sui terreni più difficili.

Bisci: Il bisci è stato sviluppato da persone che sciavano in posizione seduta. Screen shot 2013-08-24 at 3.46.47 PMCiò include le persone colpite da sclerosi multiple, da distrofia muscolare, da paralisi cerebrale, da spia bifida, da lesioni cerebrali o midollari. Un sciatore bisci è seduto su una scocca in fibra di vetro montata su due sci specifici. Grazie ad una base più ampia, i bisci procurano un migliore equilibrio del monosci. Il sciatore in bisci può sciare in modo indipendente con l’aiuto di due bastoni terminati da piccoli sci per aiutarlo a rimanere in equilibrio e per girare. Per i sciatori debuttanti e quelli che hanno bisogno di maggiore assistenza, longheroni fissi e un volante possono essere utilizzati. Il bisci deve essere testato da un istruttore quando i longheroni fissi vengono utilizzati.

Screen shot 2013-08-24 at 4.32.17 PMTriple-trace: Gli sciatori « triple-trace » hanno una gamba e due braccia in buono stato. Sono generalmente persone che hanno subito amputazioni, o hanno postumi di poliomielite o di emiplegia. Questi sciatori “triple trace” utilizzano uno sci di misura normale e un paio di bastoni per sci, dando così a loro tre punti di contratto con la neve. Essi progrediscono usualmente abbastanza velocemente.

Quadruple-trace: I sciatori « quadruple trace » utilizzano due sci e due bastoni procurandoli quattro punti di contatto con la neve. A volte, utilizzano un sistema che impedisce gli sci di incrociarsi o di galleggiare. Le persone che hanno un problema con gli arti inferiori sono quelle che possono usufruire di corsi speciali “quadruple trace”. Ciò può anche includere persone colpite da paralisi cerebrale, da spina bifida, da lesioni midollari, da sclerosi multipla, da lesioni cerebrali o quelle che hanno subito amputazioni degli arti inferiori. Praticamente, qualsiasi persone che può camminare con bastoni o stampelle può praticare lo sci “quadruple-trace”. I bastoni da sci sono adeguati su la parte alta delle stampelle la cui parte terminale viene montata con piccoli sci che agevolano così la stabilità e le curve.

Lo sci-sedia: Lo « sci-sedia » fu una delle prime posizioni a sci sviluppati per persone che hanno un problema agli arti inferiori. Ciò include quelle che soffrono di sclerosi multiple, di distrofia muscolare, di amputazioni degli arti inferiori, di paralisi cerebrale, di spina bifida, di lesioni cerebrali o midollari. Lo “sci-sedia” è generalmente preferito dalle persone colpite da limitazioni fisiche notevoli.

Screen shot 2013-08-24 at 5.09.29 PM

Al fine di tornare in « sci-sedia », lo sciatore può piantare piccolissimi bastoni-sci nella neve e inchinarsi nella direzione scelta.

Il Tandem: Lo sci tandem offre la possibilità di fare sci a qualsiasi persona con mobilità ridotta e che vuole approfittare dei sport invernali. Il sciatore è seduto nella sedia mentre un istruttore qualificato lo guida per scendere le piste controllando la velocità a mezzo dei freni posti sui sci sotto la sedia.
Le persone che soffrono di malattie gravi saranno fisicamente più limitate e potenzialmente più esposte a ferite conseguenti alla loro malattia.

Ci auguriamo che le informazioni che troverete sur Born Skier® saranno sufficienti per aiutarvi a programmare il vostro soggiorno, indicandovi selezioni specifiche e posizionando i servizi medicali e infermieri più vicini.

Per qualsiasi suggerimento, commento o maggiori informazioni, contattateci direttamente.

Lo sci è uno sport per la cui pratica dovete essere in forma, non è uno sport per essere in forma.

Le persone in forte sovrappeso devono consultare un medico e assicurarsi che hanno una condizione sufficiente per allontanare i rischi di ferite fisiche e di problemi cardiaci che potrebbero direttamente risultare dalla pratica dello sci e da altre attività in aria aperta. La loro resistenza e la loro agilità sono spesso diminuite il che rende più difficile la pratica dello sci.

Siccome sono in sovrappeso, il loro corpo subisce maggiori forze e le loro articolazioni maggiori pressioni. Rimanete attivi, preparatevi bene e fate attenzione alla vostra sicurezza: conoscete i vostri limiti!

Scegliete un istruttore secondo i vostri fabbisogni e criteri specifici.

Le persone colpite da problemi motori possono ora trovare in montagna molte varianti dello sci. Selezionate un istruttore secondo i fabbisogni della persona e assicuratevi che tutte l’informazione necessaria risulta ben trasmessa all’istruttore in modo tale che possa prepararsi in modo adeguato.

Le persone colpite da un handicap mentale possono praticare lo sci in modo normale. Possono essere richiesti adeguamenti a seconda del livello di comprensione. L’istruttore deve essere avvertito delle deficienze al fine di adattare il suo insegnamento e il suo modo di esprimersi.